mercoledì 22 gennaio 2020

Review Party: La torre - Skye Warren







Titolo: La torre
Autore: Skye Warren
Genere: Dark romance
Editore: Triskell Edizioni
Serie: Endgame #3
Pagine: 203
Prezzo: ebook 3.99
Data di pubblicazione: 10 Gennaio 2020


Salvate la torre d’avorio…
Gabriel Miller giura che mi terrà al sicuro. Fuori i nemici sono in agguato, nell’attesa di colpire. Ma queste mura ci possono proteggere da un esercito.
Però il mio istinto animale mi dice che il pericolo è molto più vicino. Che è già qui…
Protettore o nemico, cos’è davvero Gabriel per me? E questa casa è un castello o invece una gabbia?
Non avrei comunque altro posto dove andare… e nessuno di cui mi potermi fidare.
Non si sfugge quando il passato è determinato a catturare la sua preda.


Copia omaggio fornita gentilmente da Triskell

recensione

Buongiornoo e benvenut* in questo attesissimo Review Party del terzo volume di una serie che ho amato sin dal primo libro: sto parlando de “La torre” di Skye Warren ultimo libro della serie Endgame!
Aspettavo questo romanzo da tempo e non appena l’ho visto tra le uscite, ho messo subito il countdown perchè non vedevo l’ora di leggerlo! Siete pront* a scoprire l’ultimo capitolo su Gabriel e Avery?




Il secondo libro aveva lasciato tutti con il fiato sospeso alla fine e proprio all’inzio di questo romanzo troviamo Avery “intrappolata” tra le pareti d’oro della lussuosa dimora in cui Gabriel l’ha costretta. Su di lei incombe un pericolo imminente, un pericolo che ha messo fine alla vita di sua madre e che ha un nome: Jonathan Scott. Un uomo, un fantasma, un mostro che potrebbe nascondersi ovunque e a cui Gabriel dà la caccia per tenere Avery al sicuro. Ma la giovane donna rivuole la sua libertà a tutti i costi pur sapendo che non riuscirà mai a negoziare con Gabriel fino a quando, dopo una partita a scacchi, Avery riesce a strappargli una promessa…



Non mi spingo oltre nel raccontarvi la trama perchè non vorrei assolutamente farvi spoiler. Vi dico soltanto che in ogni capitolo di questo romanzo ho praticamente messo un segnalibro! La prima parte si concentra principalmente sul rapporto Gabriel-Avery e sulle svariate dinamiche che li riguardano. I dialoghi tra loro sono MERAVIGLIOSI; l’intensità, il fuoco incadescente che questi due sanno scatenare non ha prezzo!
Iniziamo anche a comprendere qualche aspetto in più del misterioso e pericoloso uomo che ha catturato come fosse una preda la protagonista. E scopriamo che dietro quella corazza spessa e insormontabile si nasconde un uomo con delle fragilità che non può lasciare scoperte perchè altrimenti cadrebbe in frantumi. 


Il destino li ha fatti incontrare; un destino chiamato Gabriel Miller perchè lui aveva messo gli occhi su di lei molto tempo prima che tutto ciò accadesse. E in quell’istante, dai suoi occhi, dalla sua risata, aveva deciso che lei sarebbe stata sua. Perciò, ha fatto sì che tutto ciò che accadesse portasse al loro inevitabile incontro. Un po’ inquietante come cosa ma considerando il tipo che è Gabriel!
Avery si dimostra, ancora una volta, una donna forte, in grado di reagire di fronte a situazioni anomale e di imporsi su un uomo la cui autorità è impossibile minare. E invece lei lo affronta con sfrontatezza, con coraggio e lo sfida, vincendo anche. Beh, che dire, non bisogna farsi ingannare dalle apparenze! 


La seconda parte del romanzo è molto dinamica e incentrata sull’azione e sulla protagonista. Non ho trovato alcun difetto in questo romanzo, NESSUNO. Persino l’epilogo è PERFETTO! La degna conclusione di una serie, di una coppia che, di certo, mi mancherà.
La scrittura come sempre è scorrevole e posso affermare che questa serie sia una delle migliori serie dark che io abbia mai letto! ( e fidatevi che ne ho lette parecchie AHAH)
Non posso che consigliarvela vivamente e so che dopo mi ringrazierete per avervi fatto conoscere Gabriel Miller! (non c’è di che!)
Tra l’altro, spero tantissimo che la Triskell pubblichi anche la serie spin-off di due personaggi che vi sono all’interno del romanzo e che non vi dico per non farvi spoiler! Voglio troppo leggere di loro due, TROPPO! E sono sicura che sarete del mio stesso parere quando finirete questo romanzo!


Viva gli scacchi, 









venerdì 17 gennaio 2020

Review Party: La bambina e il nazista - Franco Forte, Scilla Bonfiglioli





 

Titolo: La bambina e il nazista
Autore: Franco Forte, Scilla Bonfiglioli
Genere: Narrativa
Editore: Mondadori
Pagine: 312
Prezzo: 19,00 cartaceo
Data di pubblicazione: 14 Gennaio 2020


Germania, 1943. Hans Heigel, ufficiale di complemento delle SS nella piccola cittadina di Osnabrück, non comprende né condivide l'aggressività con cui il suo Paese si è rialzato dalla Prima guerra mondiale; eppure, il timore di ritorsioni sulla propria famiglia e la vita nel piccolo centro, lontana dagli orrori del fronte e dei campi di concentramento, l'hanno convinto a tenere per sé i suoi pensieri, sospingendolo verso una silenziosa convivenza anche con le politiche più aberranti del Reich. Più importante è occuparsi della moglie Ingrid e, soprattutto, dell'amatissima figlia Hanne.

Fino a che punto un essere umano può, però, mettere da parte i propri valori per un grigio quieto vivere?

Hans lo scopre quando la più terribile delle tragedie che possono capitare a un padre si abbatte su di lui, e contemporaneamente scopre di essere stato destinato al campo di sterminio di Sobibór.

Chiudere gli occhi di fronte ai peccati terribili di cui la Germania si sta macchiando diventa d'un tratto impossibile... soprattutto quando tra i prigionieri destinati alle camere a gas incontra Leah, una bambina ebrea che somiglia come una goccia d'acqua a sua figlia Hanne.

Fino a che punto un essere umano può spingersi pur di proteggere chi gli sta a cuore? Giorno dopo giorno, Hans si ritrova a escogitare sempre nuovi stratagemmi pur di strappare una prigioniera a un destino già segnato, ingannando i suoi commilitoni, prendendo decisioni terribili, destinate a perseguitarlo per sempre, rischiando la sua stessa vita... Tutto, pur di non perdere un'altra volta ciò che di più caro ha al mondo.

Ispirandosi a fatti drammatici quanto reali, Franco Forte e Scilla Bonfiglioli ci trasportano nelle tenebre profondissime di una pagina di Storia che non si può e non si deve dimenticare - soprattutto oggi - mostrando però che persino nella notte più nera possono accendersi luci di speranza, a patto di vincere le nostre ipocrisie e lasciarci guidare dall'unica che ci accomuna tutti: la nostra umanità.


Copia omaggio fornita gentilmente da Mondadori

recensione

Buongiorno e benvenut* al Review Party di un libro che ho voluto leggere a tutti i costi nonostante sapessi già, dentro di me, che mi avrebbe fatto male e che avrei sofferto abbastanza. Beh, che dire, in queste cose sono davvero profetica!
Ma andiamo subito al libro! 

 


Hans Heigel è un nazista non per vocazione o convinzione ma perché, nella Germania in cui vive e in cui è quasi costretto a vivere, chiunque in questo periodo deve esserlo. E’ un semplice passacarte e lavora nel piccolo paesino di Osnabrück che ancora non percepisce la brutalità della guerra che imperversa nel resto del mondo e che ha mantenuto quasi una parvenza di pace e tranquillità.  Hans cerca rifugio nella sua famiglia, in sua moglie Ingrid e nella sua amata figlia, Hanne. Ma una tragica mattina qualcosa si spezza in quel fragile equilibrio: la bambina si ammala e nel giro di pochissimi giorni, muore. Hans è distrutto dalla perdita dell’unica figlia, del suo agioletto e così la moglie che si richiude in un doloroso silenzio. Hans porta avanti la sua vita per mesi, quasi come un automa quando una lettera di trasferimento cambierà totalmente la sua vita. 

giovedì 16 gennaio 2020

Review Party: L'allodola - Sylvain Reynard





Titolo: L'allodola
Autore: Sylvain Reynard
Genere: Fantasy
Editore: Delrai Edizioni
Serie: The Florentine #1
Pagine: 424
Prezzo: € 5,99 (ebook)
Data di pubblicazione: 16 Gennaio 2020


Raven Wood trascorre le sue giornate alla galleria degli Uffizi di Firenze, è un’abile restauratrice di arte rinascimentale. Dopo una serata tra amici, al ritorno a casa, la sua vita cambia per sempre. Quando interviene per soccorrere un senzatetto che viene picchiato immotivatamente, i suoi aggressori la trascinano semicosciente in un vicolo. Per fortuna l’assalto viene interrotto da una cacofonia di ringhi, seguita dalle urla degli aguzzini. Raven perde i sensi, non prima di aver sentito una voce sussurrarle queste parole: Cassita Vulnerata. Quando si sveglia, si ritrova cambiata. Nessuno agli Uffizi sembra riconoscerla e, cosa inquietante, sembra essere mancata per più di una settimana. Non solo, ma scopre che la sua assenza coincide con un furto, quello di alcune inestimabili illustrazioni del Botticelli. Quando la polizia la accusa di essere una delle principali sospettate, Raven chiede aiuto a una delle personalità più oscure e temibili di Firenze per far perdere le sue tracce e scoprire così la verità. L’incontro, però, porta la donna in un mondo sotterraneo i cui abitanti uccidono pur di mantenere i loro segreti…

The Florentine Series:
0,5. Il Principe
1. L'allodola
2. The Shadow
3. The Roman

Copia omaggio fornita gentilmente da Delrai Edizioni

recensione

È tornato finalmente in Italia il grande Sylvain Reynard col primo volume della serie “Il fiorentino” ed io non potevo non essere qui a parlarvene! I protagonisti di questa storia sono Raven e Il Principe, che abbiamo già conosciuto nella novella dedicata proprio a lui… Ma se pensavate di averlo conosciuto davvero, preparatevi a rimanerne del tutto sorpresi perché il Principe è davvero tanta roba!
Raven è abituata ad essere invisibile per il mondo. Quando era giovane ha avuto un incidente che l’ha lasciata con una disabilità e adesso si trascina sempre per le strade della città con il suo immancabile bastone. 
Adora l’arte, i quadri, tutto ciò che contiene della bellezza al suo interno e lavora come restauratrice in un museo della bellissima Firenze.
«Sei la mia più grande virtù e il mio peggior vizio.»

Review Party: Storia della nostra scomparsa - Jing-jing Lee





 


Titolo: Storia della nostra scomparsa
Autore: Jing-jing Lee
Genere: Narrativa
Editore: Fazi Editore
Pagine: 419
Prezzo: 17,00 cartaceo
Data di pubblicazione: 16 Gennaio 2020


Wang Di ha soltanto sedici anni quando viene portata via con la forza dal suo villaggio e dalla sua famiglia. È poco più che una bambina. Siamo nel 1942 e le truppe giapponesi hanno invaso Singapore: l’unica soluzione per tenere al sicuro le giovani donne è farle sposare il più presto possibile o farle travestire da uomini. Ma non sempre basta. Wang Di viene strappata all’abbraccio del padre e condotta insieme ad altre coetanee in una comfort house, dove viene ridotta a schiava sessuale dei militari giapponesi. Ha inizio così la sua lenta e radicale scomparsa: la disumanizzazione provocata dalle crudeltà subite da parte dei soldati, l’identificazione con il suo nuovo nome giapponese, il senso di vergogna che non l’abbandonerà mai. Quanto è alto il costo della sopravvivenza?
Sessant’anni più tardi, nella Singapore di oggi, la vita dell’ormai anziana Wang Di s’incrocia con quella di Kevin, un timido tredicenne determinato a scoprire la verità sulla sua famiglia dopo la sconvolgente confessione della nonna sul letto di morte. È lui l’unico testimone di quell’estremo, disperato grido d’aiuto, e forse Wang Di lo può aiutare a far luce sulle sue origini. L’incontro fra la donna e il ragazzino è l’incontro fra due solitudini, due segreti inconfessabili, due lunghissimi silenzi che insieme riescono finalmente a trovare una voce.
Con una scrittura poetica e potente, in questo romanzo d’esordio Jing-Jing Lee attinge alla sua storia familiare raccontando la memoria dolorosa e a lungo taciuta di una generazione di donne delle quali è stata per decenni negata l’esistenza: una pagina di storia che troppo a lungo è stata confinata all’oblio.


Copia omaggio fornita gentilmente da Fazi Editore

recensione

Buongiorno e benvenut* a questo nuovissimo Review Party! Devo dire che ultimamente mi sto particolarmente appassionando alla Narrativa e sto scoprendo autori contemporanei di spicco che non conoscevo! Ecco perché oggi mi ritrovo a farvi la recensione di questo romanzo stupendo, toccante, reale e crudo che vi prenderà fino alla fine!
Siete pront*?


Wang Di è una donna di settant’anni, ormai e dopo aver perso il marito, il Vecchio come lo chiama lei, le rimane un vuoto. Vuoto che, però, sembra non riuscire a colmare se non con i ricordi. Insieme alla sua storia appassionante e vera che si svolge tra presente e passato negli anni ‘40, troviamo intrecciata la storia di Kevin e della sua Ah Ma, ovvero la nonna che proprio in punto di morte gli svelerà un segreto importantissimo! 
Non vi svelo oltre perché starà a voi poi capire come si intrecciano le loro vicende e sono sicura che non ve lo aspetterete!