lunedì 10 settembre 2018

Review Party: Flawed. Il momento della scelta - Cecelia Ahern



Titolo: Flawed. Il momento della scelta
Autore: Cecelia Ahern
Genere: Distopico
Editore: DeAgostini
Serie: Flawed #2
Pagine: 370
Prezzo: 6.99 ebook
             12,66 cartaceo
Data di pubblicazione: 11 Settembre 2018


Celestine è in fuga. Fino a poche settimane fa era una delle ragazze più in vista della città: aveva una famiglia che la amava, un fidanzato meraviglioso e un destino invidiabile. Ora la sua esistenza si è trasformata in un interminabile incubo. La sua vita dorata non esiste più. Celestine è finita in cima alla lista dei ricercati della Gilda. È il nemico Numero Uno. Lei infatti è l’unica a possedere le prove che potrebbero distruggere per sempre il sistema che stabilisce chi è perfetto e chi Fallato. Chi merita un futuro e chi no. Perfino il giudice Crevan, capo del tribunale che l’ha condannata, è al suo inseguimento. L’uomo crede di poter facilmente mettere alle strette una come Celestine, una ragazza che ha perso tutto: famiglia, fidanzato, amici. Ma si sbaglia. Il tenebroso Carrick non l’ha abbandonata e anzi è più determinato che mai a sostenerla, qualunque sia la scelta di Celestine. Perché adesso a decidere sarà lei. Scappare e mettersi in salvo, o rischiare tutto, tornare nella tana del leone e demolire il sistema dall’interno?


recensione
C'è la persona che pensi dovresti essere, e poi c'è quella che sei veramente. Io non so bene chi dovrei essere, ma adesso so chi sono veramente.
E posso dire che questo è un modo perfetto per ricominciare.
Buongiorno a tutti Lettori Accaniti!
Oggi io e Chiara siamo qui per parlarvi dell'attesissimo Flawed. Il momento della scelta, secondo e ultimo capitolo della serie Flawed di Cecelia Ahern.
Chi ha letto la mia recensione sul primo capitolo (qui) sa quanto io sia rimasta stupita ed affascinata dalla lettura del primo romanzo e quanto abbia sofferto all'idea di dover aspettare praticamente un anno per la pubblicazione del secondo romanzo della duologia.
Finalmente siamo arrivati al momento della rivelazione e io non potrei essere più contenta di avere la possibilità di parlarvene.
Da giovani, essere diversi può sembrare una vera maledizione, ma più si cresce, e più ci si rende conto che in realtà è un'arma, una corazza, una forza. Un dono.

Il romanzo riprende la storia dalla fuga di Celestine dalle grinfie del Segnalatore incaricato di sorvegliarla.
La protagonista, infatti, dopo essere stata marchiata come Fallata e quindi non più perfetta, deve sottostare a delle leggi rigidissime che regolano la vita di questi individui. Leggi che però, oltre ad essere estremamente ferree, sono anche profondamente ingiuste e continuamente manipolate a vantaggio di chi detiene il potere.
La missione della ragazza, quindi, diventa quella di far sapere al mondo la verità e di portare alla luce le profonde ingiustizie perpetrate dalla Gilda negli anni in cui ha imposto il suo governo.
Inutile dire che ciò non è esattamente quello che la Gilda e, in particolare, il giudice Crevan vogliono e che cercheranno di metterle i bastoni tra le ruote in tutti i modi.

Non voglio dirvi altro della trama, in modo da lasciare alla mia collega la possibilità di rivelarvi quello che vorrà (che sadiche che siamo...), ma voglio parlarvi delle mie impressioni alla fine di questa lettura.
Allora, la Ahern sa scrivere, non c'è nulla da fare. Dai tempi di Ps. I love you si è imposta nella mia mente come una delle autrici da tenere d'occhio ed infatti anche questa volta non mi ha deluso. Quello che mi piace di quest'autrice è che è in grado di scrivere di scene drammatiche senza cadere mai nel patetico (inteso proprio come genere) e riuscendo sempre a trasmettere una sensazione di speranza anche nelle situazioni più tragiche.
Diciamo che Celestine in questo romanzo non se la passa proprio bene, però nonostante tutto, non si ha mai la sensazione di pesantezza.
Le persone che amo mi hanno fatto del male senza che me lo aspettassi, e quelli da cui non mi aspettavo nulla mi hanno invece salvato e ridato fiducia.
Se dovessi trovare un solo aggettivo per descrivere questo romanzo sarebbe frenetico. Il ritmo in cui si susseguono gli eventi da un certo momento in poi è quasi delirante, elemento che aiuta a rendere l'idea della caccia e del pericolo a cui è costantemente sottoposta Celestine.
Nonostante la velocità con cui viene portata avanti la narrazione, nella storia sono presenti abbastanza sottotrame da rendere possibili continui colpi di scena, in grado di tenere il lettore con il fiato sospeso fino alla fine della storia.
Affezionarsi ai personaggi del romanzo è facile. Celestine, con il suo coraggio e la sua determinazione, arriva in modo forte e diretto a chi sta leggendo e grida il suo messaggio di ribellione in maniera impossibile da non sentire.
Carrick, dal canto suo non è da meno. Anche se onestamente avrei voluto che l'autrice si soffermasse di più a farcelo conoscere prima di dare il via a tutta la sequenza di eventi del romanzo, il suo tormento per un passato difficile e la sua voglia di cambiare le cose sono innegabili e chiaramente percepibili.
L'erbaccia è solo una pianta che cresce dove la gente vuole vedere altro
Che dire, è difficile riuscire a trasmettere ogni sfumatura di questa storia, spero nel mio piccolo di avervi dato un'idea di cosa vi aspetta leggendola. L'unica cosa che posso dirvi è di dare una chance a questa serie, non vi deluderà!
Vi lascio alle mani sapienti di Chiara che sicuramente riuscirà a rendere meglio l'idea. Alla prossima recensione!





Grazie Giulia per la parola! Ma siccome, come hai già detto tu, siamo persone sadiche... non aggiungerò altro della trama rispetto a quello che hai già detto tu!
Perché? Perché se c'è una cosa che ho capito leggendo i libri della Ahern è che questi vanno letti, amati e soprattutto affrontati con il minor numero di informazioni possibili.
Leggere la Ahern è sempre un'avventura fantastica, un viaggio dentro mondi egregiamente costruiti che, pagina dopo pagina, riescono a stupirti sempre di più.
Quando ho iniziato "Flawed. Il momento della scelta" tutto mi aspettavo tranne quello che ho letto.
Mi ha stupita, mi ha ossessionata, non riuscivo a staccarmi dal libro e, capitolo dopo capitolo, agognavo di sapere come andava a finire e allo stesso tempo avrei voluto non dire mai addio ai personaggi.
C'è la persona che pensi dovresti essere, e poi c'è quella che sei veramente. Io ho perso la cognizione di entrambe.

Inutile dirlo, ormai si è già capito: la Ahern è un genio. È una delle scrittrici che più amo al mondo, sin da quando mi ha totalmente conquistata col suo libro "Scrivimi ancora". Riesce a districarsi tra i vari generi in maniera del tutto naturale e questa, secondo me, è una qualità da apprezzare in una scrittrice.
Ma cosa dire di "Flawed. Il momento della scelta"? C'è poco da dire, perché è un libro pressoché perfetto.
Celestine è uno di quei personaggi che si amano facilmente e per cui è difficile non empatizzare. Gliene capitano di tutti i colori, ma davvero di tutti i colori. La Ahern è stata molto brava a presentarci ogni situazione mettendo il giusto carico di emozioni, senza mai strafare, senza mai esagerare, senza mai risultare pesante o noiosa nelle sue idee.
Lo ammetto, alla fine del libro avrei voluto piangere tutte le mie lacrime. Ormai mi ero affezionata a Celestine, a Carrick... Dire addio a questi personaggi è stato molto difficile.
Mi sporgo in avanti e sfioro la cicatrice con le labbra. Lo sento emettere il respiro che ha trattenuto finora. Alzo lo sguardo per vedere se gli ho fatto male, ma lui ha le palpebre chiuse. Con le mani mi tocca i capelli, e si avvicina alla tempia destra. La sfiora con il pollice. Il mio marchio.

Celestine è uno di quei personaggi dalla forza indescrivibile. Però non parliamo di forza fisica, no. La sua caratteristica più importante è il coraggio. Il coraggio di portare avanti le sue idee, la sua morale, senza mostrare timore per le conseguenze che potrebbe subire. La sua è una ribellione, forte e chiara, dura e implacabile, nei confronti di tutti quelli che sono stati costretti al silenzio.
E sarà proprio Carrick ad accompagnarla nella sua avventura, a starle vicino e vegliare su di lei; a permetterle di compiere il suo destino e di amarla in silenzio, senza gesti eclatanti o altro.
Carrick è un personaggio molto complesso, con una storia alle spalle molto difficile che avrei voluto conoscere meglio, però è impossibile non amarlo e non sperare in un lieto fine per lui e Celestine.
Penso ormai si sia capito che, sia per me che per Giulia, questo libro va assolutamente letto e, se non avete ancora letto il primo volume della serie, dovete assolutamente recuperare questa dimenticanza. Non ve ne pentirete! Noi ci vediamo alla prossima recensione. La vostra,
 


È stato su un autobus che ho perso la mia fiducia nel genere umano. Ed è su un autobus che la sto ritrovando.


VOTO:

Ed eccoci arrivati alla fine di questo Review Party!
Giulia ed io speriamo di essere riuscite a trasmettervi tutto ciò che questo libro aveva da offrirci. La Ahern è una delle autrici che più ci piacciono e speriamo di essere riuscite a renderle giustizia.
Se volete farvi un'idea più ampia di questo romanzo, vi lasciamo al calendario del Review Party, in modo da poter visitare gli altri blog partecipanti.



Come sempre, se non volete perdervi le nostre novità iscrivetevi ai lettori fissi del nostro blog cliccando sul tasto Segui in alto a sinistra e fateci sapere con un commento cosa ne pensate!
Alla prossima, XOXO


2 commenti:

  1. Celestine è davvero un bel personaggio e la Ahern ha dimostrato di sapersi destreggiare benissimo anche nel genere distopico creando una storia che si legge tutta d'un fiato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio vero! Amo la Ahern e amo anche Celestine *-*

      Elimina