lunedì 15 gennaio 2018

Recensione in Anteprima: Magnifico Assedio - Emily Pigozzi


Titolo: Magnifico assedio
Autore: Emily Pigozzi
Genere: Erotic Romance
Editore: Self Publishing
Pagine: 220
Prezzo: preordine a 0.99 €
Data di pubblicazione: 15 Gennaio 2018


Per Fabrizio Brandi, ex parà della Folgore e ora ispettore di polizia della Criminalpol, il lavoro è la cosa più importante e lo basa totalmente sull’ istinto: lui è la carta pazza, quella che sconvolge tutto e va oltre le regole senza farsi domande. Almeno finché il
suo nuovo incarico non lo mette alla prova: Nina Orlando, giovane e bellissima, è la figlia di un importante uomo d’affari divenuto collaboratore di giustizia, e Fabrizio viene assegnato alla scorta che dovrà accompagnarla al sicuro in una località sconosciuta. Nina è viziata, ribelle, abituata ad avere tutto ciò che desidera, ma anche terribilmente sensuale. Lontani dai loro mondi e costretti a stare insieme i due non potranno che fare scintille, in un crescendo di attrazione impossibile da controllare…


recensione

Buongiorno Lettori, oggi voglio parlarvi della storia di Fabrizio e Antonia, detta Nina. I due non potrebbero essere più diversi di così: lui un uomo perso, che trova nel lavoro l’unica consolazione nella sua vita impazzita, lei invece sicura di sé, della sua vita e del suo status. Ma presto le cose cambieranno per entrambi…
Fabrizio ha 29 anni ed è un poliziotto, nella vita ha sempre conosciuto caos e disordine, non sa cosa significhi amare ed essere amati perché nessuno è mai stato in grado di farlo con lui. L’unica cosa a cui tiene veramente è il suo lavoro, anche se ha un modo un po’ particolare per dimostrarlo. Troppo impulsivo, troppo incurante della propria vita, è chiamato dai colleghi, la “carta pazza” perché di lui non ci si può fidare.

Risultati immagini per POLICEMAN GIFPer questo gli viene affidato un incarico un po’ particolare, che dovrebbe servirgli per rimettere la testa a posto o quantomeno per tenerlo fuori dai guai per un po’ e fargli cambiare aria. Deve scortare Antonia Orlando, figlia di un collaboratore di giustizia, in un luogo segreto, di cui neanche lui sa la collocazione, e tenerla al sicuro da eventuali ritorsioni fino alla data del processo del padre. 
Nina ha visto la sua vita sconvolgersi in 24 ore. Una mattina si sveglia, dopo l’ennesima serata passata a bere e bighellonare con il suo gruppo di amici della Roma bella, e si trova la casa invasa dai poliziotti che, senza mezzi termini, la obbligano a seguirli in centrale.
Adesso so che devo guardare avanti, anche se è terribilmente dura, perchè la vita non è finita, anche se il mio universo è andato in pezzi. E ora osservo questo ragazzo, Fabrizio, occuparsi di me come se fosse la cosa più naturale del mondo. Non un poliziotto, almeno non ora: ma un semplice ragazzo dallo sguardo gentile.
Così, in poco tempo, tutto l’universo perfetto ma vuoto di Nina crolla pezzo per pezzo. Il padre, che lei ha sempre visto come un eroe, è un criminale, la sua casa è sequestrata insieme a tutti i suoi beni, che provengono dalla ricettazione di denaro sporco e lei si trova costretta a trasferirsi in un posto segreto per la propria sicurezza. Avrebbe solo voglia di urlare. Invece raccoglie la poca dignità rimasta, inforca un paio di occhialoni da sole per nascondere le lacrime e con la schiena dritta si infila in macchina con tre poliziotti, dall’aria antipatica, per andare incontro al suo destino.
Purtroppo però le cose non sono così semplici, ben presto l’appartamento in cui è stata sistemata, inizia a sembrare sempre più solitario e claustrofobico, finché ad un certo punto la maschera che è costretta a tenere crolla, lasciandola spoglia di ogni finzione. Ma invece di andare in pezzi, come stava per accadere, all’ultimo secondo Fabrizio la salva, dandole quella vicinanza emotiva e fisica di cui aveva bisogno, ma che non riusciva a chiedere. I due così iniziano ad essere sempre più vicini, a passare del tempo insieme, a scambiarsi confidenze e segreti, fino a diventare l’uno indispensabile per l’altra.
Non posso scordare però che il pericolo è dietro l’angolo…


I nostri sono momenti nascosti, rubati, strappati alla logica. Ma adesso lui è qui con me. Ogni istante più vicino, ogni istante più pronto a conoscermi, a lasciarsi andare.
Questo è il primo romanzo di Emily Pigozzi che leggo e devo dire che mi ha fatto ricredere completamente sul genere, o i generi, a cui appartiene: quello erotico e il dark romance che, come ormai avrete capito, non mi piace per niente. Solitamente i protagonisti di questi romanzi sono vuoti e sciocchi, non sono approfonditi o caratterizzati, non hanno neanche quel minimo di personalizzazione che ti permette di affezionarti a loro. Sono solo espedienti tramite i quali l’autrice descrive scene di sesso o di violenza, non particolarmente entusiasmanti o realistiche.
Invece Nina e Fabrizio sono una cosa totalmente diversa. Con pochi, abili, tratti viene descritta la loro interiorità, le loro maschere e i loro pensieri. Si staccano dalla carta per diventare persone reali con tutte le paure, i desideri e i sentimenti di ognuno di noi. Metà di due universi che non potrebbero essere più distanti l’uno dall’altro, riescono a trovare la loro completezza solo stando insieme, appianando quelle che sembrerebbero essere difficoltà grandi come case, ma che si rivelano invece essere solo granelli se confrontati all’amore che provano.
Mi è piaciuta la naturalezza con cui tutto questo accade, unita alla consapevolezza del pericolo che i due correrebbero se venissero scoperti e alla noncuranza con cui, comunque, continuano a vedersi, perché hanno già capito che provare a resistere sarebbe inutile.


E io resto ferma a guardarlo, grata di essere insieme a lui, con un nodo che mi serra la gola e le lacrime finalmente libere di uscire.

E' un pianto che sembra senza fine, dolce e doloroso insieme.
Per il mio passato e il mio futuro.
Un pianto che sa d'amore.


Mi è piaciuta la determinazione di Fabrizio nel salvare Nina, senza rendersi conto che contemporaneamente lei sta salvando lui. Perchè se lei corre un pericolo fisico, Fabrizio corre un pericolo ben più grave, quello di perdersi in una vita confusionaria e caotica, senza alcuno scopo e fine, se non la mera sopravvivenza. Ed è così che Nina, l’elemento più debole del romanzo, diventa invece il più forte, perché è in grado, con la propria capacità innata di donare amore, di strapparlo dalla rete di un destino che non vuole e che invece sembra essere proprio quello a cui non può scappare. 
Lui salva lei e lei salva lui, in un perfetto equilibrio che non potrebbe descrivere meglio l’amore tra due persone.
Bello, entusiasmante e coinvolgente, passionale, sexy e audace, questo romanzo mi è davvero piaciuto, cosa inaspettata. Lo consiglio vivamente!







VOTO:


2 commenti:

  1. Grazie mille Sara, questa recensione è fantastica! Sono felice che vi sia piaciuto!

    RispondiElimina