mercoledì 24 gennaio 2018

Recensione in anteprima: Nati sotto la stessa stella - Alessandra Angelini



Titolo: Nati sotto la stessa stella
Autore: Alessandra Angelini
Genere: Contemporary Romance
Editore: Newton Compton
Serie: Bad Attitude Series
Pagine: 416
Prezzo: e -book 4,99€
Data di pubblicazione: 25 Gennaio 2018

Se ami qualcuno devi inseguirlo.

Amelia studia Medicina all'Università di Bologna, ha un rapporto conflittuale con i suoi genitori ed è abituata a fuggire dai problemi. Fan e amica della band del momento, i Bad Attitude, ha una storia altalenante con il cantante. A sostenere Amelia ci sono le sue amiche Isabella e Caterina, ma soprattutto Nico, il bassista del gruppo. Amelia è sempre in cerca di emozioni che le facciano battere il cuore, mentre Nico vorrebbe soltanto evitare altri problemi: quelli lui li conosce fin troppo bene. Basta poco per rendere i confini del loro rapporto indefiniti… È un’estate piena di musica e di magia quella che vivono, un’estate unica in cui tutto è possibile. Ma come in ogni sogno, dal quale prima o poi bisogna svegliarsi, Amelia e Nico dovranno decidere se la paura è più forte dei sogni che vogliono realizzare. La felicità è a portata di mano, devono solo trovare il coraggio di afferrarla…

Se hai un sogno devi proteggerlo 
Se ami qualcuno devi inseguirlo

Bad Attitude Series:
1. Non dirgli che ti manca
2. Nati sotto la stessa stella
+ altri libri a seguire

recensione

Siamo animali fatti di sensi e lei li soddisfaceva tutti contemporaneamente. Mi bastava pensarci per trovarmi a piegare le dita, stringere i pugni, per trattenere la sensazione di lei. Le mie mani erano affamate della sua pelle, del peso del suo corpo contro il mio, semplicemente di lei.
Non vi ho incuriosito con la mia citazione? Vi svelo un segreto da book-blogger ormai navigata: quando una mia recensione inizia con una citazione del romanzo appena concluso, vuol dire che mi è piaciuto tanto. Vuol dire che ho evidenziato, sottolineato e letto quelle parti, almeno due o tre volte. Vuol dire che rileggerò l'intero libro dopo pochi giorni perché voglio rivivere quella sensazione, quel formicolio alla pelle che ho provato quando ho letto quelle parole per la prima volta!
Posso affermare che Alessandra Angelini è "un genio del male" perché mi aspettavo, anzi bramavo, il libro su Julien (non sono di certo la sola!!!) e lei cosa fa? Scrive una storia meravigliosa su Amelia e Nico buttandoci Julien in quasi tutto il libro, così giusto per far passare sotto al nostro nasino, il frutto proibito, per poi non farcelo assaggiare. Furba! Furbissima! Anzi geniale.

La vedevo in ogni cosa, pensavo a lei in ogni momento, mi trovavo a desiderarla soprattutto in quelli più inopportuni. Come allora, in cui pareva che anche il cantante della mia band, ovvero il ragazzo a cui nessuna donna sapeva dire di no, fosse interessato a lei. Ero fregato.
Nati sotto la stessa stella ha un cuore pulsante: la musica. Permea ogni pagina ed accompagna la vita dei protagonisti. La musica è passione, eccitazione, dolore e sofferenza. Inutile dire che i Bad Attitude, non solo hanno un nome fighissimo, hanno il potere di calamitare la nostra attenzione su di loro. Su tutti loro. Attraverso una playlist eccezionale e struggente Alessandra Angelini lascia intravedere la loro anima e tutto quello che non sono in grado di dire a parole. 
Con il primo libro, Non dirgli che ti manca, abbiamo scoperto i pensieri di Dennis e Isabella, con questo ultimo capolavoro andiamo a scoprire la perfezione di Nico, il bassista del gruppo e le insicurezze di Amelia.  La protagonista merita una menzione a parte: per tre quarti del libro volevo solo strozzarla, la sua determinazione a non voler accettare l'amore di Nico la rende un personaggio parecchio indigesto. Sono consapevole di partire un tantino prevenuta con i personaggi femminili, e non lo nascondo nelle mie recensioni, ma Amelia tira fuori il peggio di me! Cara Amelia io ti capisco, per carità, hai quel bono da paura di Julien da un lato ed è normale che ti vada in pappa il cervello, ma poi dall'altro lato non puoi non vedere l'amore, la devozione e la passione di Nico. Ho capito solo dopo la seconda lettura che Amelia mi ricordava un personaggio letto un po' di tempo fa: Keira del Frutto proibito, il romanzo di S. C. Stephens, e questo non è un complimento!
Se non credi a me, credi alle mie mani, alla mia bocca e alla mia voce quando ti dico che ti amo. 
Nonostante la rabbia, alla fine ho compreso ma non accettato, la paura di Amelia. La paura, come l'amore, è un sentimento irrazionale che colpisce ognuno di noi, alcuni ne sono paralizzati, altri rispondono con l'adrenalina a mille. Lei è un'anima smarrita, convinta di non poter meritare il "lieto fine" e quindi si getta su di una storia, senza pretese e senza promesse, per tenere al riparo il suo cuore. Ma non è mai così semplice.
Quando trovi un uomo capace di abbracciare con te le ombre e scacciare le paure, una persona che possa convincere te stessa che tu meriti quell'amore, allora vedi la luce in fondo al tunnel passando attraverso una fase di negazione e poi solo dopo tanta sofferenza arrivi ad accettarlo. Per arrivare a questa fase di accettazione, Amelia renderà la vita di Nico molto complicata.
«Ti amo e ti odio con tutto me stesso, tu mi fai sentire vivo quando il resto mi sfiora appena. Non si può amare più di così».
Tutta un'altra storia la mia ossessione per Nico. Quando penso a lui mi viene in mente un cavaliere d'altri tempi che con la sua spada sguainata è pronto a sacrificare se stesso pur di difendere le persone che ama. Non è perfetto, è un uomo che ha commesso errori, che ha dei rimpianti ma è pronto a dare anima e corpo per vivere la sua storia con Amelia. Si mette in gioco, soffre tanto, ama intensamente.
Dovete leggere le sue dichiarazioni infuocate direttamente con i vostri occhi ed io devo trattenermi dallo scrivervi tutto il libro qui, mentre butto giù la mia recensione!
Se esisteva la magia, lei era una fata. Lei era una strega. Amelia tratteneva i miei occhi nei suoi. Respirava l’aria tra noi, sembrava quasi assaporarla sulle labbra, sulla lingua, facendomi desiderare di assaggiarla. La guardai sotto la luce delle stelle e per un attimo pensai che se fosse stata mia, sarei stato l’uomo più felice dell’universo. Perché c’era voluto del tempo per accettare quella vocina che aveva capito da subito che ero destinato ad amarla fino all’ultimo giorno della mia vita.
Sono certa che lo leggerete con voracità come è successo a me e ne vorrete ancora. La vostra disperazione arriverà al culmine quando poi scoprirete che il prossimo libro parlerà di altri due personaggi chiave, Caterina e P.E., ma non si accenna nulla sulla storia di Julien. Ormai sono così in agonia che inizio ad immaginarmelo persino con la terribile Ferraris. Con chiunque basta che si parli di lui. Delle sue dipendenze, della sua musica, della sua anima. 
Alla prossima, 





Un’emozione è quando tremi ma non per il freddo, quando senti ma non con l’udito, quando osservi ma non con gli occhi, quando tutto scorre ma tu sei fermo, quando sei e non puoi essere, quando l’impossibile è possibile. Un’emozione è tutto, e lei tra le mie braccia era tutto.

VOTO:


4 commenti:

  1. Dopo questa recensione mi spieghi come faccio a non leggere questo libro?? Anzi come faccio a non recuperare tutta la serie?
    E vabbè mi rassegno a far crescere ancora la mia Wl. ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale la pena allungare la tua wishlist credimi!

      Elimina
  2. Nunzia non so come ringraziarti per questa recensione stupenda <3
    Nico è come dovrebbe essere un uomo, dolce, non vergognarsi di quello che prova ma estremamente sexy <3
    Dopo questo libro sei parte anche tu del #TeamNico?
    Julien *lo vedi?* arriverà e quando sarà il suo momento sarà travolto da una svolta quanto mai inaspettata!
    Spero di convincerti anche nel prossimo <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Alessandra.
      Io non so scegliere quindi #teambadattitude, li amo tutti!

      Elimina