martedì 30 maggio 2017

Recensione in anteprima: Paper Princess - Erin Watt


Titolo: Paper Princess
Autore: Erin Watt
Genere: Young Adult
Editore: Sperling & Kupfer
Pagine: 362
Prezzo: 8,99 (ebook)
14,90 (cartaceo)
Data di pubblicazione: 30 Maggio 2017

The Royals Series:
1. Paper Princess
2. Paper Prince
3. Twisted Palace
3,5. Tarnished Crown
4. Fallen Heir
5. Cracked Kingdom

Un patto che nasconde più di un segreto. Un sogno fragile come carta. Una passione che non darà tregua. A diciassette anni, Ella Harper ha già imparato a sbrigarsela da sola. Sempre in fuga, dalle difficoltà economiche e dagli uomini sbagliati di sua madre, si è districata tra mille lavori per riuscire a far quadrare i conti, studiare e costruirsi un futuro migliore. Finché, un giorno, nella sua vita compare un certo Callum Royal. Distinto ma deciso, nel suo costoso abito di sartoria, dice di essere il migliore amico del padre, che lei non ha mai conosciuto, nonché il suo tutore legale. In quanto tale, sarà lui d'ora in poi a sostenere le spese per il suo mantenimento e la sua istruzione, a patto che Ella accetti di vivere con lui e i suoi cinque figli. Ella sa che il sogno che Callum Royal sta cercando di venderle è sottile come carta. Ed è diffidente e furiosa. Ma ancora di più lo sono i fratelli Royal. Easton, Gideon, Sawyer, Sebastian e... Reed. Magnetici e pericolosi, non mancano di farla sentire un'intrusa: lei non appartiene, e non apparterrà mai, alla loro famiglia. E a nulla valgono i tentativi pacificatori di Callum. Ella però non è certo il tipo che si lascia intimorire, e le scintille a casa Royal non tardano ad arrivare. Soprattutto dopo un bacio rubato, che innescherà un'inarrestabile spirale di rabbia, gelosia e desiderio. Per non scottarsi, Ella dovrà imparare presto le regole del gioco...



Non molto tempo fa, all'inizio dell'anno, mi sono imbattuta per caso in una serie di titoli di libri molto acclamati in America che sarebbero arrivati entro l'anno nel nostro paese. Uno di questi titoli era proprio "Paper Princess", primo libro della serie The Royals. Sappiamo tutti come sono fatta: io e la curiosità camminiamo di pari passo. Quando ho visto quanto questa serie era stata apprezzata in America mi sono incuriosita a tal punto da decidere di leggerla in inglese.
La fortuna ha voluto che tutti i libri fossero già pubblicati perché, una volta iniziata la serie, i Royal creano davvero dipendenza! Inutile dire che mi sono innamorata di loro, di tutti loro, nessuno escluso.
La storia parla di Ella Harper, una ragazzina di diciassette anni che è rimasta sola al mondo. Non ha mai conosciuto suo padre e sua madre è morta poco tempo prima. Nessuno sa che è sola, o i servizi sociali l'avrebbero già trovata. Ella sa che non può fidarsi di nessuno se non di se stessa e decide di sopravvivere trovando una serie di lavoretti che le permettono di mantenersi un tetto sopra la testa,un probabile pasto al giorno e le bollette da pagare.
Sono stata povera e ho avuto fame. Sono stata cresciuta da una spogliarellista. So come tirare un pugno, se è necessario. Ma ho solo diciassette anni. Qualche volta mi sento troppo giovane per la vita che ho vissuto. Qualche volta mi guardo attorno e penso: Io qui non c'entro nulla.
Ma è esattamente qui che sono. Sono qui, e sono spezzata.

Di giorno va a scuola, la sera fa la spogliarellista per guadagnare più denaro possibile.
Tutto fino a quando un giorno verrà chiamata nell'ufficio del preside. Ad attenderla c'è Callum Royal, un uomo che dichiara di essere il miglior amico di suo padre, ormai deceduto, e soprattutto suo tutore legale.
Ella sa che è stata scoperta e deve fuggire alla svelta. Per questo motivo decide di recarsi al club in cui lavora, fare uno spogliarello privato (che non ha mai fatto prima d'ora) per guadagnare più soldi rispetto ad un balletto attorno ad un semplice palo e scappare così via.
Ma quando entrerà nella saletta privata, si ritrova nuovamente faccia a faccia con Callum Royal che riesce finalmente a portarla via da lì.
Ella verrà così a conoscenza di una parte della sua vita che mai avrebbe sospettato: suo padre, Steve O'Halloran, ha iniziato un'attività di costruzione di aerei insieme a Callum ed entrambi si sono arricchiti all'inverosimile.
«So che non posso sostituire i tuoi genitori, ma sono qui per te, per aiutarti come avrebbero fatto loro. Avrai anche perso la tua famiglia, ma non sei più sola, Ella. Sei una Royal, ora.»

Ella si ritrova catapultata in una realtà lontana anni luce da quello che viveva appena poche ore prima. La casa di Callum sembra una reggia e per convincerla a restare le propone di pagarla: per ogni mese che trascorrerà nella sua casa, Callum le darà una somma di denaro, più un eventuale extra se si diplomerà mentre vive con lui. Ella accetta le sue condizioni, calcolando mentalmente che un paio di mesi trascorsi con Callum le daranno più soldi di quanti ne avrebbe guadagnati lavorando al club.
L'unico ostacolo non previsto sono loro: i fratelli Royal. Sin dal suo arrivo nella casa Gideon, Reed, Easton e i gemelli Sawyer e Sebastian non nascondono il loro disappunto nell'averla lì e Ella si ritrova trattata con indifferenza e cattiveria.
Non conoscevo Steve e lui non conosceva me. Ma mentre rimango seduta qui a combattere lo shock, all'improvviso mi rendo conto che mi amava o, almeno, che avrebbe voluto amarmi.
E mi piange il cuore perché non ho avuto la possibilità di ricambiare.

Quando poi sarà costretta a frequentare la stessa scuola privata dei fratelli capirà quanto il loro odio nei suoi confronti è profondo: i Royal controllano la scuola e hanno impedito a tutti di rivolgerle la parola.
Ella si ritrova così catapultata in un mondo di ricchezza e apparenze alla quale non è per niente abituata, sola e senza l'appoggio di nessuno.
Ma nonostante ciò Ella non ha mai dimenticato chi è davvero, né da dove viene o cosa ha dovuto sopportare prima dell'arrivo di Callum e il suo comportamento diretto, orgoglioso e battagliero a poco a poco riesce a scalfire l'indifferenza dei fratelli Royal nei suoi confronti.
Tregue inaspettate, amicizie non volute e un'attrazione impossibile da combattere. Che Ella finalmente abbia trovato il suo posto?
Come ho già detto all'inizio, questo libro mi aveva incuriosito non poco e durante la lettura mi sono ritrovata inevitabilmente catturata da questi cinque fratelli così belli e ricchi da non sembrare neanche veri (e per fortuna non lo sono!). Quando ho letto nella copertina originale "These Royals will ruin you" credevo che fosse solo un modo per catturare l'attenzione e la curiosità dei lettori. Peccato che fosse un vero e proprio avvertimento: i Royal mi hanno rovinata. Sì, perché per quanto questo libro a tratti possa essere davvero assurdo (e lo è credetemi), i cinque fratelli mi hanno totalmente catturata, ossessionata e demolita. Inutile dire che Reed Royal potrebbe anche solo dire "ciao" e sarebbe comunque il mio personaggio preferito!
«Dovresti andartene da qui. I Royal ti rovineranno.»
«Forse voglio farmi rovinare» dico con delicatezza.
Lei mi lascia andare, ritraendo la mano e chiudendosi in se stessa. «Tutte noi vogliamo essere salvate, non rovinate.»

Le due autrici che si nascondono dietro lo pseudonimo di Erin Watt hanno fatto un lavoro magistrale con questa serie e mi hanno sorpresa in maniera del tutto positiva con una serie di colpi di scena che mai mi hanno annoiata.
Certo, alcune scene rasentavano l'assurdità, molte cose mi hanno lasciata davvero basita e pensavo continuamente "Non può averlo fatto sul serio. Non può!" e invece sì, può eccome.
La mia sanità mentale se n'è andata a farsi benedire con questo libro, e con gli altri, di cui vi parlerò presto, molto presto! Il secondo volume della serie, infatti, arriverà in Italia col titolo di "Paper Prince" (Broken Prince nella versione originale) il prossimo mese nelle librerie, perciò non dovrete soffrire molto dopo la fine di questo romanzo.
Ovviamente, come si è già capito, vi straconsiglio la lettura di "Paper Princess" e mi raccomando: fate attenzione ai Royal! Noi ci vediamo alla prossima recensione! La vostra,





Reed Royal mi ha spezzata. Sono caduta dal cielo e non sono certa che riuscirò a rialzarmi. Non questa volta.

VOTO:

4 commenti:

  1. Non sono ancora convinta al 100% che leggerò questo libro, ma penso che prima o poi gli darò una possibilità :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti posso solo consigliare di farlo ** Magari a tempo perso, quando non avrai altre letture importanti da fare. Ma te lo consiglio tanto:*

      Elimina
  2. Ciao! Ho pubblicato proprio oggi la recensione e devo ammettere che, pur avendomi ricordato per sommi capi altri romanzi dello stesso genere o comunque qualcosa di già visto, concordo con te sul fatto della dipendenza. Sicuramente leggerò i successivi per il gusto di scoprire come va a finire :)

    Ps: mi sono aggiunta ai lettori fissi qui sul blog, se vi va vi aspetto da me :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passo subito a leggere la tua recensione, voglio proprio sapere che ne pensi!

      Ps: anch'io mi sono aggiunta ai tuoi lettori fissi:*

      Elimina