martedì 11 luglio 2017

Recensione: Sei tutto per me - Jennifer L. Armentrout

"L'amore è un fuoco. Ma non sai mai se scalderà il tuo cuore o brucerà la tua casa."Joan C. Rawford




Titolo: Sei tutto per me
Autore: Jennifer L. Armentruot
Casa editrice: Casa Editrice Nord
Genere: New Adult
Serie: Wait for you #6
Pagine: 307
Prezzo: 16.40 (cartaceo)
9.99 (e-book)
Data di pubblicazione: 6 Luglio 2017




Ho iniziato una nuova vita
Ho ricominciato a sperare
Ho accettato il tuo rifiuto

Ma poi sei tornato…

Ci sono volute poche ore perché il mondo di Jillian Lima andasse in frantumi, e sei lunghi anni prima che lei trovasse il coraggio di tornare a casa per gestire la palestra del padre. Jillian adesso è pronta ad affrontare qualunque ostacolo, tranne uno... Brock, il ragazzo cui aveva confessato il suo amore, per ottenere in cambio un secco rifiuto. Brock Mitchell ha fatto molta strada da quand'era un teppista di quartiere. Grazie al padre di Jillian, è diventato un campione di boxe, nonché lo scapolo più ricercato della città. E gli basta uno sguardo per capire che Jillian non è più la ragazzina insicura che aveva respinto: è diventata la donna dei suoi sogni, l'unica che lo faccia sentire completo. E anche Jillian, ogni volta che è con lui, ha l'impressione che ogni difficoltà scompaia e sente rinascere il seme della speranza. Tuttavia, non appena il passato bussa alla sua porta, Jillian capisce che è venuto il momento di combattere contro i suoi demoni. La relazione con Brock le darà la forza necessaria per chiudere i conti in sospeso una volta per tutte o sarà il tallone d'Achille che la distruggerà?

"Al mio cuore mancavano dei pezzi. Detto così suonava sciocco e melodrammatico, ma non m'importava."


Ciao ragazze! Non potete neanche immaginare quanto io sia gasata per questa recensione. Ho aspettato questo libro un intero anno e ora sono al settimo cielo. 
Jillian Lima è l'unica figlia del grande Andre Lima campione di arti marziali miste e proprietario di una delle palestre più famose degli Stati Uniti. Ha un gatto che si chiama Rhage, in onore del suo personaggio preferito della Confraternita del Pugnale Nero (se vi state chiedendo il motivo di questo dettagli vi illumino: adoro anche io quella serie solo che il mio personaggio preferito è ovviamene Zsadist). Ora ha ventisei anni ed è una sopravvissuta. E' cresciuta nelle palestre del padre è stata
innamorata di Brock "La Bestia" Mitchell per tantissimo tempo. Una notte però, tutto è cambiato. Ora ha il lato destro del viso ricostruito dai migliori chirurghi plastici e nonostante siano stati eccellenti, non fanno miracoli e purtroppo la differenza le si vede, come si nota la cicatrice. E' sorda da un orecchio e la sua esistenza è diventata difficile.
Da quel giorno, è scappata il più possibile da quella vita ed era intenzionata a non tornarci mai più. 
"Ormai leggevo solo sul Kindle, ed era così anche allora, molte generazioni di Kindle prima, ma collezionavo ancora libri di carta. Mi piaceva esserne circondata, poterli toccare. Nella quiete della mia stanza, ammisi con me stesa che avevo sprecato anni di vita dopo aver ricevuto una seconda possibilità. Era un'ammissione difficile. Era brutto sapere che ti limitavi a esistere anziché vivere davvero."

Sento odore di Lettrice Accanita, voi? Io faccio la stessa identica cosa. Compro
e-book e poi cerco quelli che ho amato cartacei. Penso che come me, molte di voi abbiano gli scaffali pieni e altri libri sistemare. Cambieremo mai? Io rimarrò decisamente così, ve lo dico in amicizia!
Ma comunque, andiamo avanti...
Brock è entrato nella vita di Jillian da quando era giovanissimo. Aveva solo quattordici anni quando ha provato a rapinare Andre perché era scappato di casa. Con la faccia gonfia e senza nessuna paura lo ha affrontato e il padre di Jillian lo accoglie in casa come se fosse un figlio. Aveva visto del potenziale in lui. Quel giorno rimarrà sempre nella sua memoria. E' stato il giorno in cui la sua vita ha avuto la svolta, quella che si pensa non capiti mai nella vita.
Da quel momento in poi, Jillian e Brock sono diventati inseparabili. Lei aveva solo otto anni e lui la vedeva come la sorellina che non ha mai avuto. Per lei le cose erano leggermente diverse. La sua cotta infantile è diventata amore. Un amore così potente che solo una tragedia poteva distruggerlo. Ed è proprio quello che è successo.
"Non ero così debole con l'altro sesso, ma Brock esercitava su di me un magnetismo irresistibile. Il suo senso dell'umorismo, il modo affettuoso in cui si comportava con le persone che conosceva bene e la facilità con cui riusciva a farti sentire la persona più importante del suo mondo. Era fatto così, e anche le donne più intelligenti e più forti rischiavano di lasciarsi risucchiare."
Ragazze, sappiate che quest'uomo mi ha mandata fuori di testa. La determinazione che ha avuto per riconquistare la sua Jillian è stata impressionante. E' una delle qualità che ho apprezzato di più in lui, come il
volersi far perdonare, perché quello che le è capitato è stato in parte colpa sua. Se avesse usato più la testa e meno ciò che aveva nei pantaloni forse tutto questo casino non sarebbe mai successo. Jillian non lo incolpa davvero, ma per Brock non è proprio così. E a mio parere, ha tutte le ragioni del mondo per sentircisi. 
Jillian non sa che fare. Ha cambiato così tanto la sua vita che trovarselo tutti i giorni in ufficio, la destabilizza. Eh si ragazze, il padre le ha fatto proprio un bello scherzo. Le ha offerto un posto alla Lima Accademy da sogno e lo ha accettato perché non è una stupida, non sapendo che sarebbe stata una diretta dipendente di Brock. E' in crisi mistica ed è decisa a non innamorarsi di nuovo di lui per non finire schiacciata come un moscerino. Secondo lei, Brock non la guarderà mai come lei ha desiderato per tanti anni. 
Ma se le cose per la nostra piccola protagonista fossero cambiate? Devo darle ragione, Brock "La Bestia" Mitchell ti risucchia. Sono stati anche i suoi modi a farmi innamorare di lui. La sua attenzione ai dettagli, la sua pazienza, sono quelle piccole cose che ti fanno capire quanto una persona ne ami un'altra. 
"Era solo un bacio sulla guancia, casto e innocente, e volevo che restasse così, che restasse sicuro, ma il cuore mi martellava in petto e il sangue mi pulsava nelle vene, e in quella sensazione non c'era niente, niente di sicuro."
OH MIO DIOOOO!
Non mi vengono altre parole per descrivervi le emozioni che ho provato leggendo la loro storia. Io lo sapevo, me lo sentivo che la Armentrout mi avrebbe spiazzata con questo libro. Ci ho messo due giorni a finirlo e solo perché dovevo lavorare! Ho amato la forza di Jillian, la sua voglia di tornare a rischiare e soprattutto la sua voglia di tornare a vivere nonostante le insicurezze. Ho amato Brock. Dai suoi muscoli (che Jillian non ha mancato di descrivere e per questo io ti ringrazio), al suo modo di porsi con lei, al suo esserci per lei e alla sua determinazione che è stata una costante in questo romanzo. 
Io non so cos'altro dirvi per convincervi a leggere questo libro. Anzi si, forse una cosa c'è: se non ne avete letto nessuno dovete assolutamente rimediare! Ne vale la pena. Libro per libro, storia per storia. Quest'autrice non è mai banale o scontata. Riesce a sorprendere i lettori in ogni cosa che scrive ed io sto male al pensiero che la serie sia arrivata alla conclusione. Amo i libri dinamici, dove i protagonisti cambiano. In questo caso, Jillian ha ricominciato a vivere davvero, a sorridere davvero e ad amare, che è la cosa più importante.
Su queste note io vi saluto ragazze, alla prossima!!





VOTO:
"Vivere significa correre rischi. Si. Vivere significava rischiare."


2 commenti:

  1. Wow! Dopo una recensione così entusiasta, mi spieghi come faccio a resistere?

    RispondiElimina